Un concorso per i paesaggi terrazzati

Tra le varie attività che saranno organizzate nel contesto del III incontro mondiale sui paesaggi terrazzati, c’è anche un concorso per le scuole. Scuole dell’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di primo e di secondo grado di tutta Italia.

Il concorso, organizzato dalla sezione Veneto dell’Associazione italiana insegnanti di geografia (AIIG) in collaborazione con Italia Nostra, è un invito ai bambini, ai ragazzi e ai loro insegnanti a riflettere sul valore dei paesaggi terrazzati distribuiti lungo tutto la penisola. Il paesaggio terrazzato pensato come un patrimonio sia storico che sociale ed ecologico da preservare e mantenere vivo e attuale.

Entro il 1 marzo le scuole erano tenute a inviare le schede di partecipazione al concorso Paesaggi terrazzati: storia, ambiente, qualità della vita. I partecipanti avranno poi tempo fino al 31 maggio per preparare un elaborato che approfondisca “le valenze di un paesaggio terrazzato di propria conoscenza a partire dai vissuti personali e dalle attese per il domani”. Gli elaborati saranno esposti e premiati a Padova in ottobre, durante le giornate del meeting Terraced Landscapes: choosing the future.

“Sono in tutto 17 le scuole che hanno inviato la scheda di partecipazione – Sara Bin è la coordinatrice del progetto – e sono scuole di ogni grado, distribuite su tutto il Paese, da Amalfi a Genova, da Segonzano a Salerno. Si tratta soprattutto di scuole che si trovano nei territori che saranno protagonisti del III incontro mondiale sui paesaggi terrazzati, ma non solo”. Solo pochi di loro hanno indicato nella scheda il tipo di materiale che hanno intenzione di preparare nelle prossime settimane: per ora, si sa di un cortometraggio e di un report tecnico. “Le materie coinvolte – Sara Bin sta guardando proprio ora le schede di partecipazione – spaziano dalle scienze alla tipografia, passando per l’educazione alla cittadinanza, l’italiano, la matematica, la gestione delle economie rurali, le produzioni vegetali…”.